Descrizione

Il Master tratta le problematiche relative alla gestione e al riutilizzo dei beni e delle aziende sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata ed economica. 

Tale iniziativa di formazione post-laurea nasce da un’esigenza concreta: colmare la lacuna di professionalità rispetto a un procedimento - quello disegnato dal Codice Antimafia - che si presta a coinvolgere competenze plurisettoriali in chiave cooperativa e complementare. 

La recente Riforma del Codice antimafia, entrata in vigore il 19 novembre 2017, testimonia una grande attenzione sulla materia, rispetto alla quale la formazione specializzante sembra essere l’unica risposta per fronteggiare la grande sfida della gestione proficua e del riutilizzo effettivo dei beni e elle aziende sottratti ai patrimoni criminali.

Sul versante della gestione dei beni e delle aziende sequestrati e confiscati, il Master offre una preparazione specifica basata su un solido approfondimento della normativa, soprattutto all’esito della recente novella, e sulla condivisione delle best practices di amministrazione giudiziaria. La recente introduzione della possibilità di nomine congiunte fra diversi specialisti impone un approccio integrato amministrazione – management, rispetto al quale il Master offre moduli dedicati alla gestione di realtà produttive complesse, con impostazione pratica e fattuale.

Sul versante del riutilizzo, il Master consente di acquisire i migliori strumenti di progettazione per l’ottenimento dell’assegnazione dei beni da parte di soggetti pubblici e privati (enti, cooperative, associazioni), anche nell’ottica della recente predisposizione di fondi dedicati e forme di sostegno e finanziamento ad hoc.

 

Mediante un corpo docente che annovera da cinque edizioni i massimi esperti del settore a livello nazionale, il Master in “Gestione e riutilizzo dei beni e delle aziende confiscati alle mafie. Pio La Torre” si propone di formare professionalità altamente qualificate in grado di gestire i meccanismi di amministrazione e riutilizzo di una ricchezza sana che sia fonte di opportunità, di lavoro e di crescita per il tutto il territorio.

 

logo MASTER  leggero per invio mail

 

 

Destinatari

La riforma L. 161/2017, ha previsto formalmente la possibilità di conferire il c.d. doppio incarico, ossia di valorizzare due professionalità all’interno della medesima gestione; parimenti si enfatizza il ruolo dei Coadiutori, tecnici ed esperti di diversa natura e competenza che possono essere chiamati ad assistere l’amministrazione delle realtà complesse. Il sistema di rotazione degli incarichi apre a nuove platee i possibili soggetti coinvolgibili.

Pertanto, il Master è diretto a:

  • Dottori commercialisti e avvocati che intendono iscriversi all’Albo degli Amministratori giudiziari, così come indicato nella recente Riforma L. 161/2017. 
  • Professionisti, a vario titolo, in possesso delle competenze necessarie per accedere alle nomine di Coadiutore dell’amministratore giudiziario (periti, consulenti nelle differenti aree interessate alla gestione). 
  • Manager ed esperti di marketing per le attività di gestione integrata delle realtà produttive e dell’implementazione dei piani di riutilizzo. 
  • Ingegneri e architetti interessati alle valutazioni tecniche dei beni, alla predisposizione dei modelli di riutilizzo e conversione, nonché alla mappatura dei beni confiscati. 
  • Funzionari e dipendenti di Enti Locali e Pubbliche Amministrazioni per i quali si renda necessaria un’attività di progettazione e monitoraggio dei bandi e di coordinamento delle risorse umane ed economiche. 
  • Membri di associazioni e cooperative che vogliono dotarsi dello strumentario necessario per l’adesione ai bandi pubblici di assegnazione dei beni. 
  • Addetti alla gestione di problematiche finanziarie, bancarie e assicurative relativi alla materia. 
  • Appartenenti alle Forze dell’Ordine interessati ad approfondire lo studio degli strumenti investigativi finalizzati all’aggressione dei patrimoni criminali. 

Il diploma di Master di II livello, conseguito a conclusione della prova finale, costituisce il più alto titolo universitario in Italia ed è rilevante per la valutazione in sede di concorso pubblico. 

 

Insegnamenti

PARTE I: Mafie imprenditrici e mafie al nord. La mafia come holding del crimine - Dall’infiltrazione alla colonizzazione - Strategie e dinamiche della criminalità organizzata. 

 

PARTE II: Gestione ed amministrazione dei beni e delle aziende sequestrate e confiscate. Dalle indagini al decreto di sequestro e alla confisca definitiva - Il ruolo della Procura della Repubblica, del Tribunale, dell’Amministratore giudiziario e dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata – i Coadiutori dell’Amministratore giudiziario e dell’Agenzia.

 

PARTE III: Assegnazione e valorizzazione dei beni e delle aziende confiscate. Il riuso sociale dei beni sottratti alla criminalità organizzata - Il modello della società cooperativa - Studi di fattibilità imprenditoriali, elementi di marketing e best practices.

Clicca qui per scaricare la Brochure del Master