Descrizione

 

Il Master “Gestione e riutilizzo dei beni confiscati alle mafie. Pio La Torre”, di nuova istituzione, andrà a trattare le problematiche relative la custodia, l'amministrazione giudiziaria e il riutilizzo di beni e aziende confiscate alla criminalità organizzata di stampo mafioso.

Questa iniziativa di formazione post-laurea è nata da un’esigenza concreta, segnalata dalle più importanti Procure italiane e da dirigenti di Enti pubblici che lamentano una totale lacuna di professionalità rispetto alla gestione dei beni confiscati alle mafie da parte di amministratori giudiziari e alla mancanza di conoscenza da parte di Enti locali che vogliano chiedere in assegnazione un bene o un'azienda confiscata e che sopratutto non vogliono che questa scelta, ad alto valore simbolico, rappresenti una “pesante zavorra”.

Il Master in oggetto si propone, quindi, di formare professionalità in grado di gestire un bene o un’azienda dal momento della custodia a quello della confisca, per poi divenire oggetto di una richiesta di assegnazione a fini sociali, ex legge 109/1996, e ritornare a produrre una ricchezza “sana”, diversamente da come accadeva quando era di proprietà delle mafie.

Per come è strutturato e per il calibro dei professionisti che sono coinvolti nella didattica, il progetto del Master in oggetto rappresenta un unicum a livello nazionale e ha raccolto rilevantissimi apprezzamenti da personaggi illustri e simboli della lotta alla criminalità organizzata di stampo mafioso.

A chi è rivolto?

Il Master si rivolge a neolaureati, professionisti che vogliano rivestire il ruolo di amministratori giudiziari di beni e/o aziende confiscati alla criminalità organizzata, funzionari e/o dipendenti di Enti Locali, soci di cooperative, esperti di progettazione, manager ed esperti di marketing, funzionari di banche, compagnie assicurative e/o finanziarie ed appartenenti alle Forze dell'Ordine.

Obiettivi

Il Master ha come obiettivo la formazione di:

1) professionisti che, in qualità di amministratori giudiziari, custodiscano e gestiscano beni e/o aziende confiscati alla criminalità organizzata;

2) funzionari di Enti Locali che necessitino di acquisire una professionalità atta alla richiesta di assegnazione di un bene o di un’azienda confiscati alla criminalità organizzata;

3) soci di cooperative che richiedano l’assegnazione di un bene e/o azienda confiscati alla criminalità organizzata;

4) esperti di progettazione per l’assegnazione di beni confiscati alla criminalità organizzata;

5) manager ed esperti di marketing che si occupino di curare la produttività e l’immagine di beni e/o aziende confiscate alla criminalità organizzata;

6) funzionari addetti alla gestione di problematiche finanziarie bancarie ed assicurative legate ai beni e alle aziende confiscati alla criminalità organizzata.

7) appartenenti alle Forze dell'Ordine.

Il master è altresì rivolto a neolaureati o professionisti che vogliano rivestire il ruolo di amministratori giudiziari di beni e/o aziende confiscati alla criminalità.

Sbocchi occupazionali

Le competenze acquisite nel Master si potranno tramutare in professionalità in grado di:

1) custodire o gestire il bene o l'azienda confiscati alla criminalità organizzata;

2) interagire con l'Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata di stampo mafioso;

3) richiedere l'assegnazione dei beni e/o aziende secondo le modalità previste dal Codice Antimafia, come Enti Locali o come società cooperative;

4) implementare il Check up e i modelli di governance delle aziende confiscate, come elementi di marketink strategico ed innovazione;

5) gestire specifice problematiche in ambito bancario, finanziario ed assicurativo per individuare particolari forme di finanziamento, negoziazione e rinegoziazione (mutui e prestiti) da parte di aziende confiscate alla criminalità organizzata di stampo mafioso;

6) accedere alle nomine di "Coadiutore dell'Amministratore" come professionista-consulente nelle aree multidisciplinari che interessano la gestione ( avvocato, consulente del lavoro, commercialista, architetto,ingegnere, agronomo);

7) fornire consulenze nell'ambito della progettazione per l'accesso ai bandi di assegnazione.

 

CONSULTA IL DEPLIANT

COMPLETO DI CALENDARIO DIDATTICO

 

Per ulteriori informazioni clicca qui